http://lookfordiagnosis.com
English
Spanish
Italian
Portuguese
French
Swedish

FAQ - Neuroborreliosi Di Lyme
(Powered by Yahoo! Answers)

Qualcono di voi ha avuto la neuroborreliosi?


Sono affetta da neuroborreliosi ed ho da poco completato un ciclo di ceftriaxone x 2 sett e bassado x altre2 da 10 giorni.Si sono ripresentati i sintomi, e forse non son guarita del tutto, aspetto che mi facciano l' esame del liquor.Qualcuno di voi l' ha avuta?Io ero al secondo stadio con paralisi del nervo facciale e lato dx del corpo, mi piacerebbe sentire anche un altra esperienza di qualcuno.grazie
----------

E' un'infezione rara e io non l'ho avuta ma l'ho studiata...

La forma più comune causa appunto, nel 50-75 % dei casi, la paralisi mono o bilaterale del nervo facciale. La prognosi è favorevole, con recupero completo entro 1- 2 mesi.

L'esame del liquor sarà molto importante per poter fare la scelta terapeutica appropriata.
Il recupero è eccellente, anche senza trattamento antibiotico; i casi non trattati, però, hanno maggiori probabilità di sviluppare forme tardive o malattie reumatologiche.  (+ info)

Che cos'è la malattia di Lyme?


La malattia di Lyme è un’infezione provocata dal batterio Borrelia burgdorferi. Questo batterio usualmente si trova negli animali come topi e cervi. Le zecche Ixodes possono infettarsi con i batteri quando mordono un animale infetto, per poi trasmetterlo ad una persona che può così contrarre la malattia di Lyme.

http://www.farmacoecura.it/malattie/malattia-lyme-zecche-foto-sintomi-durata-cura/  (+ info)

sulla malattia di Lyme?


qualcuno di voi ha contratto questa malattia?? che sintomi vi dà? come vi state curando?
----------

Carissima,
non ho contratto la malattia, ma me ne intendo un pochino.
La borreliosi di Lyme è causata da un germe che è trasmesso da una zecca.
I sintomi sono molto vari, anche a seconda della persona colpita.
Sintomi generali, comunque, sono febbre, dolori articolari, eruzioni cutanee piuttosto caratteristiche...spesso sintomi a carico del sistema nervoso...
Le cure sono antibiotiche. Non tutti gli antibiotici vanno bene per tutte le persone, quindi le cure devono essere mirate alle persone.

In caso di dubbio, o di puntura di zecca, l'ideale è rivolgersi e farsi visitare da un medico specialista in malattie infettive.
Comunque anche il medico di famiglia è in grado di fornire adeguate informazioni e di indirizzarti da uno specialista.

cari saluti e buone risposte  (+ info)

malattia di lyme, chi mi sa dire qualche cosa?


CHE COS'È?
La malattia di Lyme (il nome deriva dall'omonima cittadina americana dove fu descritto il primo caso nel 1975) è un'infezione batterica che colpisce prevalentemente la pelle, le articolazioni, il sistema nervoso e gli organi interni.
Può manifestarsi con sintomi talora gravi, persistenti e, se non curata, assume un decorso cronico.


--------------------------------------------------------------------------------

COME SI TRASMETTE?
A causarla è un batterio della famiglia delle spirochete, di cui sono serbatoi naturali i topi del bosco. Altri animali selvatici (come lepri, volpi, ungulati e uccelli) possono occasionalmente ospitare il batterio e contribuire alla sua diffusione in ambito silvestre.
Le zecche (specialmente del genere Ixodes, il più diffuso in ambiente alpino) sono il principale vettore della malattia. Succhiando il sangue degli animali infetti, raccolgono la spirocheta e con i morsi successivi sono in grado di trasmetterla ai nuovi ospiti.
Le zecche pungono indifferentemente tutti gli esseri a sangue caldo, compreso l'uomo. Il morso non è doloroso e, proprio per questo, passa inosservato. Una volta attaccate alla pelle agiscono come una pompa succhiando e rigettando continuamente il sangue: in questo modo possono contaminarne una quantità enorme in poco tempo.
Alla fine si lasciano cadere sul terreno.

COME SI MANIFESTA LA MALATTIA?
Il segno più frequente e caratteristico è un arrossamento della pelle (solitamente localizzato nella zona del morso) che tende lentamente ad espandersi.
Questa lesione (dalla caratteristica forma a "bersaglio") ha il nome di eritema migrante compare dopo un periodo di 4-60 giorni dal morso.
Più raramente l'infezione si presenta con dolori articolari o disturbi del sistema nervoso. COME SI EVOLVE?
Dopo la prima localizzazione nella pelle il batterio trasmesso dalla zecca può diffondersi in qualsiasi parte del corpo e coinvolgere:

le articolazioni (artriti);
il sistema nervoso (meningiti, neuriti dei nervi cranici, difficoltà motorie e perdita della sensibiltà, agli arti);
altri organi interni (cuore, occhio, fegato, reni con disturbi di varia entità).
Se lasciata progredire l'infezione tende a cronicizzare e, dopo un periodo di anni dall'inoculazione del batterio, determinare esiti permanenti.
----------------------------------------------COME SI CURA?
La terapia avviene con comuni antibiotici che però vanno prescritti dal medico e assunti nelle dosi, con le modalità e i tempi richiesti dall'infezione.
Una terapia iniziata tempestivamente, alla comparsa dei primi sintomi, è garanzia di completa e definitiva guarigione.

----------------------------------




--------------------------------------------------------------------------------


--------------------------------------------------------------------------------  (+ info)

C'è un dermatolo o uno specializzando in dermatologia qui dentro?


Come da domanda sto cercando un dermatolo per qualche chiarimento riguardo la malattia di Lyme. Grazie
ti ringrazio emo boy ma ho bisogno di un parere più specifico dato che quelle cose le conosco già...
----------

Mandami una mail con le tue specifiche domande...
Dr. M. Zolghetti  (+ info)

Aiuto per una tesi di laurea (ma é difficilissimo)?


Gentili amici,
Io sono una laureanda in Infettivologia e Nevrologia, sperando di poter diventare un buon medico e soprattutto preparato.
La mia tesi verte proprio nelle malattie infettive da parassiti e quindi anche la "Borelliosi di Lyme".
Ho raccolto molto materiale nel corso degli anni, ma avrei bisogno anche di referti medici di panzienti affetti da tale patologia.
Le chiedo pertanto la possibilità di avere tramite email il referti medici in cui risulta positivo l'esame di Borrelia Burgdoferi.
P.S. Accetterei anche referti positivi di infezioni da puntura di zecca e/o altro parassita.
Ve lo chiedo davvero di cuore, per me varrebbe tanto.

La mia email é klizia9@libero.it
----------

il dottor Walter Oscar Pavan dell'ausl di ravenna  (+ info)

Febbre che dura mesi...Mi servono informazioni!?


Ciao a tutti, ho bisogno di informazioni perché su internet non riesco a trovare nulla...Più di tre settimane fa la madre del mio ragazzo si è presa l' influenza con tanto di febbre...All' inizio era un normale malanno primaverile, però si è dilungato più del dovuto...Dopo circa una settimana e mezza sono comparsi dei forti dolori che le impedivano quasi di muoversi e la febbre rimaneva sempre alta; inoltre si è riempita di strane macchie. La situazione si è aggravata, fino a quando non hanno dovuto portarla all' ospedale e ricoverarla. E' rimasta lì per una settimana circa, dopodiché l' hanno fatta uscire...Ora è quasi un mese che ha la febbre e anche se è a casa sta molto male. Fino a ieri non si sapeva nulla su che cosa fosse, ma proprio poco fa ho saputo dal mio ragazzo che si tratta di una malattia rarissima, anche se non pericolosa perché è guaribile...Però diciamo che ci vorrà un po' perché questa situazione potrebbe durare addirittura dei mesi! Ed è questo che mi preoccupa...Secondo il primario dell' ospedale questa malattia avrebbe il nome di morbo di Lynn o qualcosa del genere...Non sono molto sicura che si scriva così...Ho provato a cercare su Google e ho trovato di tutto (Lime, Lyme, Laim...ecc...), ma sembrano essere tutti sinonimi di una stessa malattia. Per questo mi rivolgo a voi, spero che qualcuno sappia di che malattia si tratta e se avete delle informazioni da darmi scrivetele perché anche se so che è una cosa che si può guarire sono comunque preoccupata! Grazie!
Ah, mi sono dimenticata di dire una cosa...Si tratta di una malattia infantile che è già rara nei bambini e che negli adulti sarebbe addirittura quasi impossibile!
----------

è la malattia di lyme , nn esiste la malattia di lynn, forse ti sei sbagliata a scrivere,La malattia di Lyme (borreliosi) è una malattia di origine batterica.

Il New York Times l'ha definita "la malattia infettiva che si diffonde più rapidamente (negli Stati Uniti) dopo l'AIDS". Rapporti da altri paesi indicano che si sta diffondendo anche in Asia, Europa e Sud America.

L'origine del nome della malattia si riferisce alla cittadina di Lyme, nel Connecticut, dove si verificò un'epidemia di questo male, segnalata a partire dal 1975, che si manifestò con un misterioso aumento dei casi di artrite, soprattutto infantile. L'artrite cominciava con eritemi cutanei sul torace, addome, dorso e natiche, che si ingrandivano fino a raggiungere una dimensione variabile tra i 10 e i 50 cm, mal di testa e dolori articolari.

La causa della malattia di Lyme è un batterio spiraliforme, la Borrelia burgdorferi, chiamata così in onore al suo scopritore, Burgdorfer, che infesta le zecche, le quali possono trasmetterlo all'uomo e agli animali.

I luoghi nei quali è più facile contrarla sono le zone boscose e ricche di cervi, dal momento che queste rappresentano l'habitat ideale per le zecche.

In Italia la malattia è endemica del Carso, del Trentino e della Liguria.
primo sintomo della malattia di Lyme in genere è un eritema cutaneo (noto come eritema cronico migrante, o ECM) di piccole dimensioni. Nel giro di qualche giorno o settimana la caratteristica macchia si estende fino a diventare un eritema circolare, triangolare o ovale che può avere le dimensioni di una moneta oppure può diffondersi su tutto il dorso. Spesso l'eritema è accompagnato da febbre, mal di testa, rigidità del collo, dolori muscolari e spossatezza. Se non vengono curate in tempo, oltre metà delle vittime finiscono per accusare dolori e gonfiore alle articolazioni, che durano anche mesi. Il secondo stadio della malattia prevede complicanze neurologiche e dolori muscolari e ossei; sono possibili anche disturbi cardiaci che consistono in palpitazioni, blocco atrioventricolare e in alcuni casi può essere indispensabile uno stimolatore cardiaco. Fino al 20 per cento dei pazienti che non ricevono cure sviluppano l'artrite cronica che provoca difficoltà a camminare. Più raramente, la malattia può influire sul sistema nervoso causando meningite asettica, radicoloneuriti, infiammazione delle radici nervose cervicali e paralisi di Bell. Nel terzo stadio della malattia un ristretto numero di pazienti soffre di perdita di memoria, instabilità comportamentale. Per le donne in stato di gravidanza, la malattia è ancora più pericolosa perché l'infezione può essere trasmessa al nascituro e può aumentare il rischio di aborto spontaneo-Secondo molti esperti è difficile diagnosticare la malattia di Lyme perché i sintomi iniziali di tipo influenzale assomigliano a quelli di altre infezioni comuni. Oltre a ciò, un paziente infetto su 4 non manifesta un'eruzione cutanea, unica caratteristica peculiare della malattia di Lyme, e molti pazienti non ricordano di essere stati punti da una zecca poiché la puntura in genere è indolore. Un ulteriore ostacolo è il fatto che le analisi immunologiche del sangue attualmente disponibili non sono né abbastanza sensibili né abbastanza precise per effettuare una sicura diagnosi differenziale. Gli Istituti Sanitari Nazionali americani raccomandano perciò ai medici di basare la propria diagnosi sul fatto che il paziente ricordi o meno di essere stato punto da una zecca, sui sintomi che egli accusa e sull'attenta esclusione di altre patologie che potrebbero aver dato origine a tali sintomi.Terapia [modifica]
Se la malattia viene diagnosticata in tempo, la maggior parte dei pazienti può essere curata con successo con una terapia antibiotica mirata contro l'agente patogeno. Il senso di spossatezza e i dolori possono continuare per diversi mesi dopo la cura, ma tendono a scomparire spontaneamente senza bisogno di prolungare la terapia. Secondo gli Istituti Sanitari Americani, la malattia non dà "effetto memoria", dimodoché è possibile contrarla più volte nella vita.

Recentemente l'istituto di medicina della Yale University, negli Stati Uniti, ha annunciato di aver messo a punto un vaccino sperimentale che potrebbe prevenire la malattia di Lyme. Questo vaccino "a duplice azione" stimola il sistema immunitario dell'uomo a produrre anticorpi che attaccano e uccidono i batteri della malattia e, nello stesso tempo, distrugge anche i batteri che vivono nelle zecche che pungono una persona vaccinata.


Prevenzione [modifica]
Il modo più semplice di prevenire la malattia di Lyme è quello di evitare di subire infestazioni di zecche, dal momento che questi aracnidi sono il veicolo della malattia. Valgono perciò i seguenti consigli. Se camminate in zone infestate da zecche (zone boscose, ad esempio), tenetevi al centro dei sentieri; indossate indumenti lunghi e berretto; infilate i pantaloni nei calzettoni, e portate scarpe che non lascin  (+ info)

Patologia non diagnosticata ?


Buongiorno,

Mi chiamo Francesca, ho un labrador retriver di 7 anni, Spud, che negli ultimi 6 mesi ha manifestato una patologia infettiva le cui cause non sono state ancora identificate dal mio veterinario. Si segnalano anemia e conta dei globuli bianchi molto elevata.

I fatti sono andati in questo modo

Luglio 2008 - Il cane ha iniziato a presentare segni di spossatezza e inappetenza. Il veterinario ha effettuato un emocromo + esame biochimico+immunodosaggio.

Risultati:
RBC2.82M/ul
HCT 22.4%
HGB 7.1g/dl
MCV 79.3
MCH 25.17 PG
MCHC 31.7 G/DL
RDW 18.1%
%RETIC 14.1%
RETIC 397.3 K/UL
WBC 32.44 K/UL
%NEU 87.7%
%LYM 2.8%
%MONO 7.2%
%EOS 1.7%
%BASO 0.6%
NEU 28.45 K/UL
LYM 0.90 K/UL
MONO 2.33 K/UK
EOS 0.55 K/UL
BASO 0.20 K/UL
PLT 706 K/UL
MPV 11.92 FL
PDW 19.7%
PCT 0.8%

Biochimica: tutti i valori della norma tranne:

TP 8.5 G/dl

GLOB 5.3 G/dl

ALKP 265 u/l

Immunodosaggio:

HW Neg
LYME Neg
E.CANIS Neg
CANL Neg

Il veterinario ha pertanto prescritto una terapia antibiotica e ricostituente per flebo.

Dopo alcuni giorni il cane non mostrava segni di miglioramento ma al contrario ha iniziato a manifestare dei rigonfiamenti addominali. Un'ecografia ha mostrato la presenza di liquido in prossimità della zona epatica-pancreas. è stata pertanto effettuata un'operazione d'urgenza per la rimozione del liquido. Durante l'intervento è stato prelevato un campione epatico e splenico.
Risultati dell’esame isto-patologico:

ESAME ISTOLOGICO

1. Fegato: Nel parenchima epatico si osservano delle zone necrotiche random, e degli aggregati di neutrofili. Diffusamente gli epatociti hanno un citoplasma vacuolizzato. Multifocalmete si osservano cellule di Kupfer contenenti emosiderina.
2. Il campione consiste di un coagulo di fibrina frammisto a granulociti neutrofili.
3. Milza: Multifocalmente si osservano delle zone necrotiche, frammiste ad alcuni granulociti neutrofili, in parte degenerati. La milza presenta una diffusa ematopoiesi extramidollare.


DIAGNOSI
1 e 2: epatite necrotizzante, multifocale, moderata, acuta, con periepatite fibrinosa.
3: Splenite necrotizzante, multifocale, moderata, acuta, con ematopoiesi extramidollare.+

COMMENTO
La causa delle lesioni non è evidente all’esame istologico. Una eziologia batterica non può essere esclusa.


A seguito dell’intervento è stata continuata la terapia antibiotica per un mese circa. Successivamente sono stati ripetuti gli esami del sangue i cui risultati erano:

Risultati al 05/09/2008

RBC 5.62 M/ul
HCT 40.0%
HGB 12.0 g/dl
MCV 71.2 fl
MCH 21.45 PG
MCHC 30.1 G/DL
RDW 15.7%
%RETIC 2.8%
RETIC 159.5 K/UL
WBC 16.80 K/UL
%NEU 74.7%
%LYM 9.1%
%MONO 10.9%
%EOS 5%
%BASO 0.3%
NEU 12.56 K/UL
LYM 1.52 K/UL
MONO 1.83K/UK
EOS 0.84 K/UL
BASO 0.05 K/UL
PLT 7613 K/UL
MPV 7.51 FL
PDW 17.3%
PCT 0.5%

Biochimica: tutti i valori della norma tranne:

TP 8.9 G/dl

GLOB 5.3 G/dl

AMYL 1528 u/l

Il veterinario ha ritenuto opportuno sospendere la terapia.

Il cane è stato abbastanza bene per un mese e mezzo circa ma successivamente ha iniziato a mostrate la medesima sintomatologia.
Sono stati nuovamente effettuati degli esami ematici che hanno evidenziato una nuova infezione in corso. È stata prescritta una terapia antibiotica a base di CEFTRIAXONE 1.g 2 volte al dì per un mese.
Il cane ha inizialmente reagito bene alla terapia, manifestando dopo due settimane circa dall’inizio segni di abbattimento. dopo 3 settimane la terapia è stata sospesa, una settimana dopo in data odierna 27.12.2008 sono spati ripetuti gli esami che hanno dati i risultati seguenti:


RBC 4.23 M/ul
HCT 32.40%
HGB 10.2 g/dl
MCV 76.7 fl
MCH 24.12 PG
MCHC 31.5 G/DL
RDW 15.5%
%RETIC 13.1%
RETIC 552.80K/UL
WBC 19.32 K/UL
%NEU 71.1%
%LYM 12.5%
%MONO 11.4%
%EOS 4.8%
%BASO 0.3%
NEU 13.73K/UL
LYM 2.42 K/UL
MONO 2.20 K/UK
EOS 0.93 K/UL
BASO 0.05 K/UL
PLT 674 K/UL
MPV 9.05 FL
PDW 18 %
PCT 0.6%

Biochimica: tutti i valori della norma tranne:

TP 8.3 G/dl

GLOB 4.8 G/dl

Il veterinario non capisce quali possano essere le cause di tale patologia.- il cane sembra reagire alla terapia antibiotica ma all'interruzione si manifestano segni recidivanti.

Chiedo cortesemente un vostro parere, consiglio, diagnosi e rimango a vostra cortese disposizione per ulteriori dettaglio o chiarimenti a riguardo.

Vi ringrazio anticipatamente per la vostra consulenza

Cordialmente

Francesca Pizzuti

francescapizzuti@gmail.com
3391349383
----------

anche se vuoi tanto bene al tuo cane non farlo soffrire la natura pensera ad accomodare tutto ciao  (+ info)

per favore, leggete la mia storia!?


ciao a tutti, vorrei raccontarvi questa storia, ho 21 anni e 16 anni fa mi pizzicò una zecca dietro la nuca, purtroppo però la testa rimase dentro e iniettò tutto il veleno (facendo anche le uova), ero lì lì per morire, avevo artrite, ero paralizzata, non riuscivo più ad utilizzare un muscolo del mio corpo, la febbre era altissima (40 e mezzo di temperatura),tutti dicevano che era un virus che girava, quando mia madre contattò un dottore che a quel tempo studiava insetti esotici e mi prescrisse l'aeromicina(antibiotico) e disse che se lo avessimo chiamato solo la mattina dopo io non sarei vissuta xkè avevo già le bolle rosse del veleno iniettato, quindi la febbre scese e in poco tempo mi salvai.Disse anche xò che mi sarebbero rimasti i postumi fino a quando non avrò un figlio,in effetti ora a 21 anni ho molti problemi a livello osseo come cervicale, dolori alle giunture delle ginocchia etc etc...la mia domanda è: quando avrò un figlio,quindi ci sarà un cambiamento del sangue, è vero che passerà tutto ciò? grazie mille dell'attenzione
p.s: questa infezione è chiamata malattia di lyme
per reika 83: io non ricordo bene xkè è come se fossi stata in coma una settimana, tutto ciò me lo ha raccontato mia madre, ma credo che i miei genitori hanno fatto di tutto per farmi guarire, cmq ricordo che il mio dottore estrasse la testa con un liquido e il mi collo era gonfissimo tanto che non riuscivo quasi più a respirare, stavo soffocando piano piano!
----------

scusa se mi permetto, ma solita,emte quando ci accorgiamo di avere una zecca e cerchiamo di estrarla ma con esito negativo ci si reca al p. soccorso x faròla estrarre. Non capisco perchè tu sapevi che la zecca era rimasta infilata e non hai fatto niente x toglierla. Questa malattia + cmq rara se si prendono le giuste precauzioni. Se poi non ci si accorge di avere una zecca perchè troppo minuscola per notarla fra i capelli, bè questa si ingrossa in breve tempo per il sangue che beve, quindi poi te la senti e la togli. Non sò sinceramente proprio come tu abbia fatto a prenderti questa malattia. Cmq indipendentemente da tutto, mi spiace, e credo che il parto ti faccia sparire gran parte dei problemi. Il parto "guarisce" molti problemi in una donna, sai addirittura chi ha acne questa può sparire.Vedrai che tutto passerà...però nn mettere al mondo un figlio solo per guarire è! ciao ciao


Ciao di nuovo, guarda che non metto in dubbio che i tuoi si siano dati d affare x salvarti! leggi cosa scrivo. Dico solo che mi sembra strano che tu quando eri ancora senza problemi ( la malattia non avviene in modo fulminante ) non ti sia accorta di avere una zecca o meglio ancora se la testa è rimasta dentro come ti hanno detto segno che qualcuno ha tentato di asportarla, se questa non si fosse " rotta" si sarebbe ingrossata. quindi lo sapevano che avevi la zecca. Inoltre le zecche si prendono se frequenti determinati luoghi, boschi, prati ecc. se stai in contatto con animali che sono stati nel bosco ecc...non stando in città, quindi quando una persona frequenta determinati posti al reintro a casa deve sempre controllarsi. Ciao  (+ info)

Zecche????


Dopo che si e' preso il morbo di lyme e si sono presi gli antibiotici,ci possono ancora essere degli strascichi?Per quanto tempo,quali disturbi ci possono essere?
----------

Si' cio' che la zecca ti ha tolto non ti rida' piu'.  (+ info)

Lasciare un messaggio o immagine su "Neuroborreliosi Di Lyme" (o accedere al forum):