http://lookfordiagnosis.com
English
Spanish
Italian
Portuguese
French
Swedish

FAQ - Leucemia Mielocitica Acuta
(Powered by Yahoo! Answers)

Leucemia mieloide acuta?


Ragazzi mi serve sapere una cosa... é possibile che per la cura della leucemia mieloide acuta vengano effettuate delle trasfusioni di sangue, in cui un ago toglie il sangue "malato" e un altro contemporaneamente inietta sangue "pulito" o è una scemenza? Se è vero è possibile invece che questa procedura venga effettuata tutti i giori per 4 ore per un'intera settimana? Grazie in anticipo
----------

Potrebbe trattarsi di dialisi per aiutare i reni a esplellere le tossine oppure se il paziente deve sottoporsi a trapianto di cellule staminali di una procedura che si chiama leucaferesi. pero di solito tale procedura dura 3-4 ore eventualmente da ripetere il giorno dopo se la quantita prelevata di cellule staminali non è sufficente.  (+ info)

si guarisce dalla leucemia mieloide acuta ?


certamente! Non è nulla , basta farsi seguire da un bravo medico!  (+ info)

da piccolo Sono stato malato di leucemia e acuta sono guarito ,ora posso fare figli???10 punti !!!?


eh sì che sei guarito, altrimenti mica scriveresti .-.
comunque la leucemia, che io sappia, non è una malattia infettiva. non la puoi trasmettere ad altri, insomma. quindi credo nemmeno ai figli. però si sente dire che magari alcune persone hanno la predisposizione a prendere il cancro perchè già qualche familiare se ne è ammalato .-.  (+ info)

Leucemia linfoblastica acuta?


Ciao, mi parlereste della leucemia linfoblastica acuta? Non voglio testi scopiazzati da internet, li ho letti tutti. Mi interessa sapere la diagnosi in quanti giorni si fa e quali esami, se una persona deve rimanere in ospedale per tutto il tempo di remissione, e come avviene la chemio di remissione...bisogna farla ogni giorno? E che medicine orali, intramuscolari, sottopelle, ecc...bisogna prendere (se si prendono). La facia di età e quella dai 15 hai 25 anni. Non so se è utile per il trattamento.
Ehm si...grazie per l'auto...io non sono malata, non posso chiedere questa cosa al mio medico
----------

Difficile rispondere in breve, ma ci provo:
- in quella fascia di etá si tratta piú spesso di leucemie acute della linea T-linfoblastica (T-LLA), le forma a linfoblasti B sono di solito infantili
- probabilmente l'alterazione genetica di base compare giá nella vita intrauterina, come si é visto studiando casi di gemelli omozigoti
- la diagnosi si fa sul sangue periferico o meglio su aspirato o agobiopsia midollare: giá la semplice osservazione microscopica dei preparati fa di solito porre diagnosi di leucosi acuta, ma poi serve una tipizzazione con markers specifici sul sangue o sul midollo, come il TdT e i markers di linea T-linfocitaria; inoltre si utilizzano metodiche di biologia molecolare, ad esempio per dimostrare il riarrangiamento clonale delle linee T- o B-linfocitarie
- la citogenetica si effettua sempre in una leucosi acuta, e nelle T-LLA mostra anormalitá cromosomiche (cariotipo anomalo) nel 50-70% dei casi.
Quindi, per rispondere alla prima domanda, ti posso dire che una diagnosi molto attendibile richiede al massimo un paio di giorni, la citogenetica e le metodiche di riarrangiamento del DNA sono un po' piu' lunghe: la diagnosi di LLA non meglio specificata viene peró fatta da un osservatore esperto in un tempo molto breve, soprattutto sull'aspirato midollare, spesso basta un'occhiata al preparato per affermare che si tratta di leucemia acuta.
Poiché l'infiltrazione leucemica tende a diffondersi saranno necessari accertamenti per valutare l'interessamento dei diversi organi, soprattutto quello cerebrale, purtroppo frequente e che richiede terapia endorachidea.
La terapia é soprattutto la chemio, spesso somministrata attraverso un catetere venoso:
- per indurre la remissione (ottenibile nella netta maggioranza dei casi) si utilizzano soprattutto protocolli polichemioterapici con vincristina, cortisonici, daunorubicina e L-asparaginasi
- per la fase successiva, di consolidamento della remissione, si utilizzano altri chemioterapici come l'etoposide e la citarabina
- nella fase di mantenimento si puó passare a terapia per bocca con MTX e 6-MCP.
In genere non é necessaria l'ospedalizzazione durante la fase di remissione, poiché la terapia é per os, ma si devono comunque seguire norme prudenziali per la suscettibilitá alla infezioni (la chemioterapia induce immunosoppressione). Inoltre si possono effettuare controlli in day-hospital, cosí il follow-up (cioé in pratica il controllo periodico del soggetto) si puó fare con ricoveri anche solo di poche ore in appositi locali attrezzati per il controllo dei valori ematologici in tempi molto brevi e la terapia del caso.
C'é poi la terapia di supporto, trasfusioni (anche in day-hospital), antibiotici, antimicotici ecc.
Non ti parlo del trapianto midollare - autologo con cellule staminali o eterologo da donatore compatibile - perché il discorso diventerebbe lunghissimo: si pratica di solito in casi di resistenza alla terapia convenzionale e in caso di recidiva di malattia
Spero di avere almeno in parte risposto ai tuoi quesiti, ma ricorda che ogni paziente é diverso dagli altri e quindi la terapia va personalizzata e adeguata continuamente: solo il curante puó darti informazioni piú precise.  (+ info)

si può uscire dalla leucemia acuta mieloide tipo M2 della classificazione FAB?quanto si può rimanere in vita??


Ciao quello che ti posso dire che attualmente faccio piantonamento al Centro.Riferimento.Oncologico, una struttura sanitaria che studia e cura i tumori e parlando con un medico della microbiologia, mi ha detto che attualmente la leucemia ha una mortalità pari al 15% su 100, ovviamente dipende anche dal tempo di scoperta del problema. Cmq se hai attorno a te qualcuno con questo problema abbi fede!!!  (+ info)

oggi hanno detto a scuola che un ragazzo è all'ospedale, oncologia. per leucemia acuta. ha 16?


secondo voi quante possibilità ha di salvarsi?
gli faranno la chemioterapia?
----------

Ok....ora calmiamoci e raccontiamo tutta la storia...visto che ne so qualcosina...intanto dipende dal tipo di leucemia , se mieloide o linfoide (peggio la mieloide) e dipende dallo stadio 8 se acuta o cronica)...le probabilità ci sono, poche ma ci sono...ha 16 anni e quindi le cellule si riproducono maggiomente....le tecniche che usano possono essere diverse e + o meno dannose:Intanto se il suo midollo è ancora sano prelevano il midollo, effettuano 3 chemioterapie fortissime (peggio di una bomba atomica) e poi aspettano un po'...effetuano i vari esami e se si deve continuare si continua se no si reimpianta il suo midollo....se la leucemia diventa recidiva...bhe....in quel caso c'è bisogno di un donatore esterno, inscritto all'ADMO... le probabilità di ricevere un bidollo al 100% compatibile sono poche, quasi nulle....si trova idollo compatibile al 70-80... bhe...il cammino di questo ragazzo è molto lungo ed arduo...il tuo amico sarà ricoverato al reparto di ematologiae non oncologia...Bhe...che ti devo dire...buona fortuna al tuo amico...e mandagli un bacione da noi tutti.
Ciao!  (+ info)

ho una cara amica affetta da leucemia mieloide acuta è grave?si muore?quante sono le probabilità di guarigione?


Tra le varie forme esistenti di leucemia non è tra le più facili ma ci sono buone probabilità di guarigione sia con le terapie farmacologiche che, soprattutto, con un trapianto di midollo osseo. Io l'ho avuta 12 anni fa quando ne avevo 13 e sono guarito completamente grazie al trapianto!

Più è giovane il paziente e migliori sono le prospettive solitamente!  (+ info)

Leucemia acuta... qualcuno sa darmi qualche testimonianza?


Mia mamma sta facendo la chemio... da due settimane è in ospedale e sembra stia reagendo bene... e con bene intendo che sta malissimo... è stanchissima.. il mattino non riesce nemmeno ad alzarsi dal letto... i medici dicono che è normale e che ne avrà x almeno un anno e mezzo,,, ho bisogno di sapere se qualcuno di voi c'è passato o conosce qualcuno che ne ha sofferto... ditemi tutto ciò che sapete su questa malattia..
----------

Nei reparti di ematologia dove ho fatto tirocini di medicina e chirurgia ho visto molte persone in corsia affette da leucemia. Come saprai ci son molti tipi di leucemia, mieloide-linfoide-ibrido-bifenotipico.. e vari sottotipi all' interno di queste grosse categorie.
Purtroppo sono patologie neoplastiche, quindi sono tutte più o meno severe, esistono tipi più o meno responsivi, a prognosi più o meno buona. La chemioterapia ha fatto passi da gigante, garantisce ai malati buone possibilità di remissioni di malattia (parziali o complete) che riescono per anni a prolungare la vita ai malati. Le cure sono forti,
sebbene fortunatamente abbiano sempre meno effetti collaterali, però provocano astenia; durante i cicli molte persone si sentono deboli, hanno talvolta nausea. Serve molta forza di volontà e determinazione, bisogna reagire senza abbattersi, anche se non è facile. Ho visto malati forti di carattere reagire bene, lottare con tutte le loro forze durante i giorni passati in corsia. Non si davano per vinti, e riuscivano anche a distrarsi leggendo, guardando Tv, giocando con Pc portatili.. . Alcuni di loro hanno risposto bene alle terapie, hanno avuto remissioni complete e mi ha fatto piacere rivederli in buona forma al di fuori dal contesto ospedaliero.

Fatevi forza, non perdete mai la speranza, affrontate la malattia con pazienza e coraggio. E' dura, ma la medicina ha fatto passi avanti, e nessuno può considerarsi spacciato senza prima lottare. Un augurio alla tua mamma.   (+ info)

leucemia linfoblastica acuta?


mio cognato 16 anni dopo 3 mesi di terepia deve fare il trapianto quande possibilita' di guarigione ci sono e quande di restare in vita?
----------

Considerato che il trapianto nei casi di leucemia linfoblastica acuta (o leucemia acuta linfoide, LAL) è di solito riservato ai pazienti a rischio più alto, bisogna prendere in considerazione una malattia a rischio maggiore della media.
La prognosi per un malato di LAL è migliore più e bassa l'età del paziente, infatti per un bambino è guaribile nel 70 % dei casi, mentre per un adulto soltanto nel 20 % circa. Essendo comunque un soggetto molto giovane, è più probabile che la sua percentuale si avvicini al 50 %, ma bisognerebbe prendere in considerazione i fattori prognostici (che tengono in considerazione gli specialisti ematologi), che cambiano notevolmente nei diversi casi di LAL, e dipendono dalle tipologie di alterazione genetica, molecolare, immunofenotipica, ecc. delle cellule tumorali.  (+ info)

Leucemia mieloide acuta recidiva dopo trapianto di midollo?


A mia mamma nel giugno 2005 è stata diagnosticata la leucemia mieloide acuta. Dopo due cicli di chemioterapia ha raggiunto la remissione della malattia e nel febbraio 2006 ha eseguito con successo il trapianto di midollo da donatore anonimo. Adesso dopo 1 anno e quattro mesi dal trapianto, quanto pensavamo fosse tutto a posto, RITORNA DI NUOVO LA MALATTIA!! Adesso cosa si può fare? Ho speranze? C'è qualcuno che conosce o ha sentito altri casi?
----------

mi dispiace un sacco! io per tre mesi ho lavorato all'ospedale ferrarotto di catania, nel reparto trapianto di midollo osseo...so cosa vuol dire un trapianto, ho visto tanti pazienti rimettere, piangere, ma ho anche visto il lavoro serio di molti medici...mi dispiace che l'incubo sia tornato.. ma è, scusa se lo dico, normale la recidiva, specialmente in un caso mieloide acuto!
non so se sia il caso, o se si possa fare nuovamente un trapianto.
informatevi se possa fare un autologo.. cioè tua madre può donare a se stessa le sue cellule staminali.
si fa tramite un macchinario, chiamato separatore cellulare.
praticamente vengono raccolte le sue cellule staminali, congelate e conservate sino a quando non è stato fatto un nuovo ciclo di chemio.
successivamente le proprie cellule verranno reinfuse.
viene inserita un catetere nella vena succlavia, dalla quale verra "tirato" il sangue, che passerà all'interno della macchina. il sangue ritorna al paziente mentre le cellule staminali verranno raccolte in una sacca.
invece al laboratorio di crioèreservazione si procede facendo degli studi sulla vitalità delle cellule raccolte, si creano altre sacche aggiungendo criopreservante (solitamente DMSO) e quindi si procede con la congelazione delle sacche che verranno conservate a - 197 gradi, in azoto liquido!  (+ info)

1  2  3  4  5  

Lasciare un messaggio o immagine su "Leucemia Mielocitica Acuta" (o accedere al forum):